Banche per fare trading online

Il trading online (TOL) è l’operazione che permette di comprare e vendere strumenti finanziari come azioni, titoli di Stato, obbligazioni, futures e altri ancora, tramite internet.

Sommario articolo sugli istituti di credito che dove poter fare trading:

Potrebbe essere opportuno, nonché una gradita alternativa, rivolgersi ad una banca che offre come servizio quello di consulenza in tal merito e che permette di fare trading online senza dover navigare in acque poco conosciute.

Vediamo insieme alcune delle migliori banche per fare trading online per capire se tra queste è presente una che può fare al caso nostro.

Broker Plus500

In quest’articolo tratteremo maggiormente vere e proprio banche che permettono di fare trading, ma in realtà la vera diffusione del settore avviene tramite le piattaforme di broker specializzate solo in operazioni di trading e non di operazioni bancarie. Prima di proseguire con l’elenco delle banche ci sembravo opportuno fare una breve panoramica di Plus500, uno dei più famosi broker forex esistenti sul mercato.

Nasce nel 2008 ed è considerato uno dei broker più conosciuti al mondo, propone diversi opzioni d’investimento in: azioni, materie prime, forex ed anche criptovalute come bitcoin. La piattaforma è chiaramente regolamentata dalla Cyprus Securities and Exchange Commission ed è considerata tra le più affidabili e serie del settore.

Uno dei vantaggi nel suo utilizzo è la presenza di un account demo praticamente illimitato per operazioni e tempo ed all’apertura del conto spesso sono disponibili ottimi bonus di benvenuto.

I motivi principali per usare Plus500 sono:

  • Facilità nell’uso della piattaforma, veramente molto usabile
  • Il conto demo con tempistiche illimitate
  • Il deposito minimo ha un importo accettabile: 100€
  • Sono presenti oltre 50 tipologie di valute
  • Lo spred rispetto ad altri competitor è sicuramente ottimo

Allianz Bank

E’ una banca del gruppo Allianz che concentra la sua attività di trading online attraverso la figura del Financial Advisor. Quest’ultimo è un consulente specializzato che si preoccupa di analizzare il patrimonio dell’investitore in questione per poi offrire varie soluzioni per cominciare ad operare, analizzandone anche, e soprattutto, i rischi.

Essendo uno dei maggiori gruppi bancari sulla piazza, avendo accordi con le principali banche di investimento, offre una vasta gamma di strumenti finanziari rispetto ad altre.

Tra le banche che offrono la possibilità di fare trading online risulta essere una di quelle più quotate, ma solo se si sceglie di affidarsi ad un loro Financial Advisor, anche perché i costi delle transazioni sono migliori rispetto ad altre banche d’investimento. Se invece si è propensi per operare in autonomia è preferibile rivolgersi a qualsiasi altro broker, in quanto gli strumenti messi a disposizione per il singolo trader non sono sufficienti, e fanno risultare le operazioni poco convenienti e di difficile realizzazione.

BPM Banking

La Banca Popolare di Milano permette ai propri clienti di compiere operazioni online attraverso una piattaforma multicanale (sempre aggiornata con news, rubriche e analisi tecniche messe a disposizione dell’utente in maniera gratuita), dalla quale gestire il proprio patrimonio e operare sul mercato finanziario.
E’ possibile operare con trading essenziale e immediato con l’interfaccia Trading Base, mentre per gli utenti più esperti c’è l’interfaccia Trading Desk Push.

La BPM Banking applica buoni sconti per gli assidui frequentatori e questo permette comunque di avere commissioni relativamente basse e contenute.

Banco Intesa Sanpaolo

Questa banca utilizza la funzionalità Trading+ per fare trading online. Riservata solo ed esclusivamente ai clienti della banca, non è indicata per gli investitori aggressivi che puntano ai guadagni veloci. Funzionale invece per quelli che puntano ad investimenti conservativi. Per operare con Intesa Sanpaolo sarà necessario installare un loro programma sul proprio pc dal quale sarà possibile accedere solo previa autenticazione del cliente.

Trading+ è la piattaforma che offre Intesa Sanpaolo per negoziare qualsiasi azione nei mercati nazionali e internazionali. Non è possibile invece operare con i Forex. Per chi utilizza la piattaforma c’è un canone mensile da dover pagare (ne sono esenti chi supera un particolare numero di operazioni mensili) più le relative commissioni o eventuali intermediazioni finanziarie.

WeBank

Questa banca dà la possibilità di operare con quasi tutti gli strumenti finanziari di trading scegliendone tra circa 30.000 diversi, potendo scegliere la piattaforma che più si adatta alle nostre esigenze. Qui di seguito sintetizzate.

  • Piattaforma WEB, ovvero quella che potremmo utilizzare da un qualsiasi browser. Intuitiva e semplice da usare è gratuita nonostante offra tutti i servizi necessari per operare.
  • Piattaforma T3: utilizzabile sia attraverso desktop che attraverso dispositivi portatili con il proprio conto di trading online. Sono a disposizioni le news, le analisi tecniche e sarà possibile effettuare ordini di importanza più elevata.
  • Piattaforma T3 NO FRAME: come la precedente, ma più complessa. Indicata per quelli più esperti che sono in grado di seguire diversi monitor e controllare più mercati, nonché operazioni relative ad essi.
  • Piattaforma T3 OPEN: un insieme di quelle precedenti che aggiunge al proprio bagaglio la possibilità di operare con trading automatico limitando il più possibile il tempo di attesa di immissione da parte dei robot.
  • Piattaforma T3 MOBILE: Non ha le stesse funzionalità avanzate delle altre piattaforme che WeBank offre, ma risulta essere comunque una buona alternativa per chi volesse gestire i suoi affari attraverso un App.
    Gradita scelta da parte degli utilizzatori, conserva comunque con sé il difetto di tutte le banche che si occupano di trading online: costi di chiusura relativamente alti.

Monte Paschi di Siena

La MPDS porta con sé una lunga esperienza nel settore bancario italiano. Grazie alla sua piattaforma di home banking è possibile operare in autonomia e fare i propri investimenti in Borsa, sotto il controllo della CONSOB. Tratta i principali strumenti finanziari come azioni, titoli e obbligazioni.

Opera nella massima sicurezza ed è necessario essere clienti presso la banca attivando un conto con il servizio di Internet Banking.

E’ possibile usufruire di due profili: quello base e quello evoluto. Il primo è gratuito e dà comunque l’accesso alla maggior parte delle informazioni necessarie per cominciare ad operare. Il secondo è indicato per utenti più esperti, e permette di fare operazioni dal rischio più elevato.

E’ preferibile comunque rivolgersi ad un qualsiasi broker online o ad un’altra banca, in quanto pur garantendo una buona qualità di servizi e sicurezza, risulta essere troppo onerosa rispetto alle sue concorrenti.

Yellow Advice (CheBanca)

Facente parte del gruppo MedioBanca lo Yellow Advice è il nuovo modo di fare trading online indicato anche per i meno esperti, in quanto mantiene i costi di accesso davvero competitivi e permette di essere seguiti da dei consulenti sempre a disposizione. Viene utilizzato il metodo Robo-advisor che consiste nell’utilizzare una piattaforma che permette di personalizzare i propri investimenti rispetto a quelli che sono gli obiettivi e il patrimonio a disposizione. A differenza di altre banche non ci sono costi di attivazione e nemmeno di chiusura del conto. Tuttavia si richiede di essere clienti presso la stessa banca.

BccForWeb

E’ una piattaforma per fare trading online utilizzata dai clienti della Banca di Pisa e della BCC. Tratta i più importanti strumenti finanziari operando sul mercato italiano e straniero. Attiva 24h su 24, è possibile utilizzare la loro piattaforma attraverso il web o dall’App preposta. E’ necessario avere un conto aperto presso la banca con un minimo capitale di 5000 euro, ed essere residenti in Italia.

Non sono previsti costi di apertura e chiusura del conto titoli. La sua particolarità sta nel fatto che dà la possibilità di gestire un conto virtuale per fare pratica senza rischiare di perdere alcuna somma. Sono a disposizione servizi di assistenza clienti tramite telefono, e-mail o chat.

Db Interactive (Deutsche Bank)

La Deutsche Bank è uno dei principali gruppi bancari nel mondo e ha fatto breccia nel trading online con un metodo innovativo e funzionale avendo un occhio di riguardo anche per gli investitori più piccoli.

Viene utilizzata una piattaforma che prende il nome di DB Interactive che permette di operare sui principali mercati finanziari con diverse serie di asset, e anche compiere simulazioni di trading. La Deutsche Bank offre la possibilità di fare trading online attraverso tre diverse piattaforme da scegliere in base al capitale disponibile e all’esperienza del cliente. Ognuna di loro presenta diversi costi.

In via definitiva, è una banca che fa della struttura il suo punto di forza, ma dato che bisogna aprire un conto corrente con loro per poter operare, prevede comunque dei costi fissi che vanno ad influire negativamente sulla convenienza nell’operare per mezzo di essa.

Banca UniCredit

Come le altre banche che si occupano di trading online anche l’Uni Credit mette a disposizione la sua piattaforma per operare sui mercati finanziari italiani ed esteri, anche attraverso l’apposita App. La sua particolarità sta nella funzione del Metodo First che permette di avere a disposizione dell’utente un consulente pronto a dispensare consigli, insieme a del materiale didattico da poter consultare in qualsiasi momento sul loro sito internet.

La piattaforma utilizzata è semplice e funzionale. Prende il nome di Money Trading Advanced che oltre alle regolari funzioni per operare sul mercato, integra il trading automatico e un pacchetto aggiuntivo (News MF-DJ Global) con oltre 300 aggiornamenti sui dati finanziari. Importante sapere che non è previsto un canone a differenza di altre banche e i costi di commissione sono davvero economici. L’Uni Credit risulta essere una delle banche migliori a cui fare riferimento per fare trading online grazie al suo Metodo First e al costante aggiornamento delle informazioni messe a disposizione degli utenti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *