Le 10 banche piu grandi e sicure del mondo

banche grandi sicure

Il 2016 è stato un anno difficoltoso per il tutto il sistema bancario globale. In assoluto è da anni che tutti i maggiori istituti di credito e finanziari sono in sofferenza e patiscono la congiuntura economica poco favorevole che a partire dal 2008 ha creato non pochi squilibri al sistema monetario e finanziario mondiale.

Sommario dell’articolo sugli istituti finanziari più imponenti del pianeta:

Come si stabilisce la grandezza e sicurezza di una banca?

La forte relazione, ed anzi, interrelazione tra i vari istituti di credito ha comportato una maggiore e più rapida diffusione della crisi comportando non poche difficoltà anche ad istituti che da secoli ormai dettano legge all’interno del sistema globale.

  • Ma quali sono le 10 banche più grandi del mondo?
  • Quali sono gli i istituti i credito che gestiscono di fatto il maggior ammontare di denaro nel nostro tempo?
  • E chiaramente quali sono gli istituiti di credito più sicuri?

Tra i criteri che si possono prendere in considerazione per stilare un classifica della 10 banche più grandi al mondo sicuramente quello del “totale attivo” è certamente una misura più immediata e diretta e semplifica notevolmente il lavoro.

Valutare il bilancio bancario

Parlare di bilancio per una banca è leggermente diverso che esplorare taluni concetti per una realtà di tipo commerciale come potrebbe essere un impresa o un’azienda. Nel modo più sintetico possibile, andiamo ad affermare che il bilancio bancario è caratteristico e presenta delle linea di unicità rispetto ad un azienda o altra impresa commerciale dal momento che i suoi guadagni non rappresentano il corrispettivo d’una prestazione o vendita di un prodotto.

Le vendite bancarie, di fatto, sono rappresentate da interessi attivi e commissioni varie, mentre gli acquisti si configurano come la quota di passività sugli interessi.

Senza ora scendere maggiormente nel dettaglio possiamo dire che le due componenti rilevanti del bilancio delle banche più sicure sono:

  • Lo stato patrimoniale, rappresentato dall’ammonatre dei debiti verso al clientela (e cioè i soldi che i clienti depositano nelle sue casse), i crediti finanziari verso la clientela, partecipazioni ad attività di tipo finanziario e speculativo, titoli di proprietà etc;
  • Conto economico, ovvero l’ammontare degli interessi attivi e passivi, le provvigioni bancarie ed i risultati di attività come portafogli e partecipazioni a titoli e derivati.

Tralasciando ora le voci di tipo non finanziario che compongono il bilancio di una banca vediamo rapidamente le linee distintive del totale attivo.

Come visto anche per il bilancio il totale attivo di una banca è differente rispetto ad altra attività commerciale, ma tra le varie voci possiamo inserire:

  •  disponibilità liquide e quindi cassa
  • attività finanziarie detenute alla scadenza
  • attività finanziarie pronte per la vendita
  • partecipazioni varie
  • attività finanziarie possedute per la negoziazione
  • crediti sia nei confronti di altre banche sia nei confronti della clientela stessa
  • attività di tipo materiale
  • attività di tipo immateriale
  • attività di tipo fiscale
  • derivati da coperture varie
  • altre voci

Come sommariamente e brevemente visto la misura del totale attivo di una banca è un criterio di tipo assoluto e non relativo. Esso rappresenta una sorta di numero sintetico, ovvero non relativo e parziale ma complessivo, di quanta quantità monetaria e finanziaria viene posseduta da una banca.

Certamente non si tratta di una misura esatta scientificamente ma ci dà l’idea di grandezza che ci permette di capire quali sono le banche che riescono a smuovere il maggior quantitativo di “denaro”, inteso in senso materiale ma anche soprattutto virtuale e finanziario, nel mondo.

Classifica delle 10 banche più grandi e sicure al mondo

Veniamo ora, quindi, a quella che è la classifica, aggiornata a gennaio 2017, delle 10 banche più grandi e sicure al mondo.

La classifica delle banche più grandi al mondo per totale attivo (è per tanto probabile che con altri criteri la classfica possa risultare leggermente diversa) vede:

  • nei primi 4 posti delle banche cinesi
  • al quinto posto abbiamo una banca Giapponese
  • le banche USA occupano invece il sesto posto, il nono ed il decimo.
  • Banche della Gran Bretagna e Francia si piazzano rispettivamente al settimo ed ottavo.

Nel porre sullo stesso piano le varie realtà bancarie il totale attivo è stato valutato in miliardi di USD (ovvero dollari quotati rispetto alla moneta di riferimento).

La Industrial & Commercial Bank of Cina, si pone dunque al vertice della nostra classifica e presenta delle caratterisiche peculiari che le hanno permesso di arrivare al vertice nonostante si tratti di una realtà relativamente giovane. Viene fondata, infatti, nel 1984 niente di meno che dal governo cinese con un capitale iniziale di quasi ventuno miliardi di yuan.

Qualche anno più tardi, nel 2006, la Industrial & Commercial Bank of Cina viene quotata contemporaneamente sia sulla borsa di Shanghai sia sulla borsa di Hong Kong ottenendo una IPO (l’offerta pubblica iniziale delle realtà che vengono quotate per la prima volta in borsa) da record di ben quasi ventidue miliardi di dollari. Un lustro più tardi risulterà essere la prima banca al mondo per capitalizzazione di borsa e per profitti.

2. China Construction Bank Corp: 3018 USD

La China Construction Bank Corp è la seconda banca più grande al mondo e seconda banca cinese. Più antica della precedente ma anche lei assolutamente “giovane” per così dire. Viene fondata nell’ottobre del 1954 sempre con l’intervento dello stato cinese e ad oggi conta oltre 14.000 filiali e circa 300.000 dipendenti.

La sua quotazione in borsa avverrà solamente cinquantuno anni più tardi e raccoglierà la cifra di 9, 23 miliardi di dollari. Nello stesso anno stringerà una serie di accordi che la legheranno con l’americana Bank of America la quale raggiungerà circa il 20% all’interno della compagnia cinese.

Dall’altra parte però la China Construction Bank Corp acquisterà il ramo asiatico della Bank of America, ovvero il ramo operativo ad Hong Kong e Macao proprio per assicurarsi un maggior controllo all’interno del suo spazio geografico di origine. Dal 2009 però la quota di partecipazione della Bank of America verrà ridotta per far fronte a necessità di monetizzazione a causa della crisi economica.

La Agricultural Bank of China è la terza grande banca cinese ed è anche la più antica data la sua fondazione a due anni dalla nascita della Repubblica Popolare Cinese nel 1951. La sua nascita infatti avviene attraverso la fusione di due istituti: La Banca degli Agricoltori Cinese e la Banca della Cooperazione.

La quotazione in borsa della Agricultural Bank of China avviene nel 2010 e raggiunge la cifra record, precedentemente detenuta come abbiamo visto dalla Industrial & Commercial Bank of Cina, di 22,1 miliardi di dollari.

4. Bank of China: 2613 USD

La Bank of China è certamente l’istituto più antico. Nasce nel 1905 nell’ancora Cina imperiale per volere della dinastia Quing. La Bank of China è stata infatti la prima banca centrale della storia cinese, stampando moneta e gestendo la tesoreria imperiale.

La Mitsubishi UFJ Financial Group é una holding di banche giapponesi con sede a Tokyo. Rappresenta una delle maggiori aziende del grupo Mitsubishi, nonché la seconda holding più grande al mondo con approssimativamente 1,6 miliardi di dollari di depositi.

Vanta una storia secolare che si caratterizza per una serie di numerose fusioni ed acquisizioni che nei decenni caratterizzeranno il gruppo per come lo si conosce oggi. Partendo del 1880 fino ad arrivare al 2005 anno in cui Nasce la Holding, appunto, della Mitsubishi UFJ Financial Group.

6. JPMorgan Chase & Co: 2491 USD

La JPMorgan Chase & Co è la prima americana sulla nostra lista. La storia della JPMorgan Chase & Co è davvero articolata e nel suo “albero genealogico compaiono almeno un migliaio di antenati bancari. Famosa per quanto accaduto nel settembre del 2011 con la truffa vera e propria dei mutui subprime e le perdite miliardarie sono state recuperate attraverso la tassazione sui cittadini americani.

Questo il più famoso, ma l’isituto di credito americano è stato coinvolto in numerosi altri scandali riuscendo però, grazie alla sua imponenza, sempre a cavarsela.

7. HSBC Holding: 2375 USD

Incontriamo la prima banca, o meglio holding, britannico. Tra i più grandi al mondo troneggia all’interno del vecchio continente rappresentando per capitalizzazione l’istituto di credito più massico con i suoi 158 miliardi di euro.

8. BNP Paribas: 2196 USD

La BNP Paribas è la prima banca francese e l’ottava realtà più grande al mondo. Rappresenta uno degli istituti più capillarmente diffusi sia sul territorio europeo che mondiale con la sua presenza in ben 75 paesi e con un organico di ben 188.000 collaboratori.

9. Bank of America: 2188 USD

La Bank of America, già precedentemente incontrata è la maggiore realtà in America da un punto di vista di depositi. Nasce nel 1904 e a seguito di numerose rifondazioni e modifiche a “nome” si configurerà come una delle realtà di maggir influenza sul territorio americano.

10. Wells Fargo: 1930 USD

La Wells Fargo è la decima banca più grande al mondo. Viene fondata a San Francisco nel 1852. La Wells Fargo è quindi la quarta banca americana per attività, terza in termini di capitalizzazione in borsa negli stati uniti e la seconda per depositi subito dietro la Bank of America.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *