Prestiti senza busta paga, come fare?

Per ottenere un prestito è sempre necessario e obbligatorio avere una busta paga? Fino a qualche anno fa sarebbe stata una condizione indispensabile ma da qualche tempo le cose sono cambiate e oggi è possibile avere anche un prestito senza busta paga. Come è possibile?

Prestiti senza busta paga: a chi sono rivolti?

L’Italia è entrata in un tunnel di grave crisi da ormai diversi anni e questo ha causato non pochi problemi e cambiamenti al tessuto sociale ed economico nazionale, tra cui la forte instabilità lavorativa per tantissimi italiani.

L’assenza di un lavoro stabile e a tempo indeterminato, sostituito dalle nuove tipologie di contratti, ha portato numerosi cambiamenti. Uno di questi è l’introduzione del prestito senza busta paga, destinato a chi ha necessità di avere accesso al credito ma non può offrire la sua busta paga come garanzia. Sono i lavoratori che non possono vantare un contratto da dipendenti e per i quali, fino a pochi anni fa, erano precluse quasi tutte le possibilità di accesso al credito.

Il motivo è da ricercare nel fatto che la busta paga è per il creditore una garanzia importantissima di rientro della somma erogata. Ottenere un prestito senza busta paga non significa non dover presentare nessuna garanzia, sarebbe impossibile, ma trovare garanzie alternative ugualmente valide. Chi si appresta a richiedere i prestiti senza busta paga, quindi, deve comunque avere altre garanzie da presentare, vista l’assenza di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o, comunque, con una durata tale da coprire l’intero periodo del prestito.

Tutte le informazioni più dettagliate e le casistiche particolari sono disponibili su https://www.prestitipersonalisenzabustapaga.com/.

Prestiti senza busta paga: le garanzie immobiliari

Assumendo, quindi, l’assenza delle garanzie reddituali in chi chiede un prestito senza busta paga, è necessario individuare nove soluzioni per dare ai creditori la certezza di rientrare della somma elargita. Una delle più apprezzate in tema di prestiti senza garanzie è rappresentata dal possesso di un immobile.

Avere la proprietà di un immobile (uso residenziale o commerciale) è un passo in avanti in tal senso. Se, infatti, da un lato questo può essere sottoposto a ipoteca, diventando garanzia di eccellenza per il creditore, dall’altra diventa una garanzia anche se affittato.

Il reddito derivante dall’affitto di un immobile, purché regolare, è una garanzia certa per l’istituto finanziario che ha erogato il finanziamento. Dimostrare di avere questo tipo di entrata costante, mediante estratto conto, permette di avere ottime possibilità di ottenere un prestito, anche se non si è in possesso di una busta paga da lavoro dipendente.

Prestiti senza busta paga: le garanzie finanziarie

E se non si possiede un immobile da ipotecare o ceduto con regolare contratto di affitto? Esistono ovviamente altre garanzie che possono essere presentate per avere un prestito senza busta paga. Le garanzie finanziarie, per esempio, sono una validissima alternativa al contratto di lavoro dipendente.

Le rendite finanziarie sono gli introiti regolari che provengono dal possesso di azioni, buoni del tesoro, fondi bilanciati ecc. Sono rendite regolari che, quindi, possono diventare una garanzia per i creditori.

Allo stesso modo sono una garanzia valida anche gli assegni di mantenimento percepiti dagli ex coniugi. La percezione di una somma di denaro costante e di entità ragionevole può essere considerata alla stregua di un reddito, pertanto il creditore può rifarsi su quello in caso di insolvenza del debito.

Prestiti senza busta paga: i prestiti cambializzati

E se non si possiede nessuna delle forme di reddito alternativo sopra citate? Richiedere il prestito senza busta paga può essere più complicato ma non certo impossibile. La soluzione potrebbe essere la richiesta di un prestito cambializzato.

Sono prestiti strutturati in maniera alternativa rispetto a quelli classici, che prevedono l’emissione di una tratta da pagare mensilmente alla scadenza. La cambiale stessa è la garanzia, quindi è il titolo esecutivo che autorizza alla riscossione forzata senza i bisogno di provare la presenza del diritto.

Ciò significa che alla scadenza della cambiale, se questa non viene rimborsata, il creditore è autorizzato a procedere con un’azione coattiva sul patrimonio del debitore per rientrare della somma non ricevuta.

Prestiti senza busta paga: quando è difficili ottenerli

Ottenere un prestito senza busta paga è già più difficile rispetto a un prestito normale ma la situazione si complica ulteriormente nel caso in cui si sommino ulteriori fattispecie. Infatti, se il richiedente è anche un cattivo pagatore, oltre a non avere busta paga, è molto difficile che possa ottenere un prestito di questo tipo.

Inoltre, va ricordato che i prestiti senza busta paga hanno ovviamente un tasso più elevato rispetto a quelli tradizionali, perché i rischi a cui si espone il creditore sono ovviamente maggiori.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *